Warning: Effetto g(t)riglia.

martedì, agosto 02, 2011

Normalmente, si sa, l'estate è sinonimo di relax, di zero preoccupazione... di "Don't worry be happy", niente ti irrita e se c'è qualcosa che lo fa, tentiamo in tutti i modi di passarci sopra (ben donde...dopo mesi di sclero lavorativo e non, vorrei vedere!)
Ma io una cosa la devo dire..vi prego fatemela dire.
Va bene il sole, il mare, i bambini insabbiati e i topless ma vogliamo parlare dei 
segni dell'abbronzatura?!

Premessa doverosa, prima che le amanti dello spiaggiarsi sugli scogli e arroventarsi mi saltino addosso.
A me piace moltissimo l'abbronzatura, purtroppo avendo una carnagione molto chiara prima di prendere un colore serio divento la sorella del vestito di Jessica Rabbit, ma io amo diventare color biscotto; quello che non amo sono le linee (più o meno) evidenti dei costumi, ma più di ogni altra cosa non sopporto chi inventa dei costumi da bagno che, per forza di cose, ti fanno abbronzare ad cazzum.

Si prega la regia di passarci la prima diapositiva.

Lei è Kristina del blog Kayture.com, di cui avevamo già parlato qui. A me personalmente piace moltissimo, ha un bello stile, varia spesso e non si ricopre di soldi. 

In questa foto non ci sono particolari problemi, segni dell'abbronzatura non ce n'è, o almeno non ancora, il verde le dona moltissimo come colore e il costume tutto sommato le sta bene (anche se secondo me il pezzo di sopra è troppo grande rispetto al suo fisico minuto).

Lo so, lo so. 
Vi state chiedendo qual è il punto. 

Il punto è che quando si compra un costume, a parer mio, bisogna pensare a che linee ti lascerà dopo, soprattutto se ti piace cambiarli costantemente. A meno che non ti piaccia essere il disegnino della settimana enigmistica, niente da dire eh.  

Questo costume ha un problema! (E no, non sono i cerchietti che ti lasceranno dei bellissimi tondini sopra il seno).
Le fasce sotto il seno che si intrecciano e si  legano sulla schiena.
Notate qualcosa?

Ora,  io dico: ma si può andare in giro così? 
Con tanti costumi simili, non se ne possono comprare due che ti diano più o meno lo stesso risultato come abbronzatura?! E più che con loro, cioè con chi compra questi costumi...desueti, io ce l'ho con chi li inventa, li pensa e li fa!

Tipo...
Capite cosa intendo? 
Tu, stilista, cosa avevi in mente quando hai disegnato un costume del genere? Cosa? Avevi appena finito di mangiare qualche insaccato? Ti si era strappata la camicia preferita, avevi i nervi a pezzi e ti sei sfogato con un costume?
Che razza di abbronzatura dovrebbe venire fuori da dei costumi così, su dimmelo!?!

C'è chi mi risponderà sapientemente "sono per fare scena magari qualche festa in spiaggia", perfetto, concordo pienamente, ma cambiategli nome! 
Non lo so, chiamatelo costume da festa, party bikini, party monokini, party tankini (che cazz di nomi, santo cielo!), come vi pare ma non costume da bagno, che poi invogliate le pazze invasate a comprarli veramente e poi ci ritroviamo con gente che va in giro come se si fosse abbronzata sotto una rete da pesca -..-. Così:


Io non riesco neanche a pensarci, ma...(non riesco neanche a scriverlo) sta diventando la nuova moda. 
I segni dell'abbronzatura un po' "studiati" e non lasciati al caso, stanno diventando il nuovo accessorio per l'estate. Di anno in anno si va sempre peggio. 

Sempre...PEGGIO.

E quando le cose si fanno sempre peggio...chi entra in scena? 
Giapponesi? No...Cinesi?No... i Taiwanesi! Si sa, loro sono sempre un passo avanti, senza precisare che il 99,9% di cose che avete a casa lo avrà prodotto un Taiwanese.

Dicevo, Yu- Chiao Wang (designer taiwanese) ha inventato i Sun Tattoo! Niente di così assurdo eh, praticamente sono delle maglie intagliate che coprendo solo una parte della vostra pelle e esponendo l'altra al sole fanno sì che vi abbronziate a ghirigori. Carino no?! 

NOOOOO!

You Might Also Like

0 commenti

Follow @QuellaClaudia