E venne il giorno in cui mi rasai un quarto di testa

venerdì, maggio 31, 2013


Si, l'ho fatto.
Ci ho pensato per qualche giorno, ho rimandato di qualche ora e poi...zac. Tagliato la ciocca. 
Devo ammettere che ho avuto un attimo di terrore, proprio da Urlo di Munch. Ma è ok. 

Mi è proprio preso il panico, ho guardato la ciocca nel lavandino con la stessa angoscia con cui avrei guardato un dito staccato. Terrore. 
Poi mi sono squadrata allo specchio e bom. Ormai era fatta, tanto valeva sistemare il taglio. 

La domanda che ricevo più spesso è PERCHè.
E' una bella domanda, cioè, davvero. Non sto scherzando, è molto ponderata.
La risposta non la so, quello che vi posso dire è che le donne, i cambiamenti, li affrontano con un cambio di capelli. 
Io di solito mi faccio un colore, al massimo. 
Ecco. Fatevi du calcoli. 

La seconda domanda è... "Ma come fai con la ricrescita!?" 
Questa è una delle cose che mi ha bloccato all'inizio. Parliamone. 
I miei capelli arrivano oltre metà schiena, per rimetterli in pari probabilmente serviranno quei settordici anni circa, ma l'avevo preventivato. Come si vive nel frattempo? Cambiando riga. 
Io ho fatto il sidecut a destra, quindi la mia riga è a destra. Quando deciderò che non ne posso più e che voglio farlo ricrescere cambierò la riga a sinistra et voilà. 

La terza domanda è... "Ma ad un evento elegante come fai?"
Ci sono diverse risposte.
La prima che mi viene da dire è #sticazzi. Con tanto di cancelletto. Il sidecut è uno stato mentale, se hai anche il minimo dubbio, lascia perdere. Io non ho problemi a vestirmi elegante e farmi uno chignon laterale come ho sempre fatto. Ma, nel caso non vi andasse di mostrare il taglio potete nasconderlo cambiando riga, come vi ho detto sopra.

Ogni tanto fa bene fare qualcosa di sconsiderato..Provare per credere.
Rock Your Sidecut!


You Might Also Like

0 commenti

Follow @QuellaClaudia